Pagine

giovedì 11 dicembre 2014

Mafia Capitale nell'hinterland romano

Abbiamo questa sfortuna di essere italiani, lo so è pesante: 'l'è dura'..
Uso un'espressione milanese tanto l'imbarazzo che provo a essere una cittadina dell'hinterland romano, che non è per niente avulso dai fatti e misfatti della Capitale e di Mafia Capitale e del Capitale della Mafia.
Qui nell'hinterland si fanno i conti tutti i giorni con i resti della Banda Magliana.
Prendono fuoco pizzerie piuttosto che camion piuttosto che smorzi piuttosto che comprensori interi.
Il comprensorio nello specifico, doveva essere abbattuto e invece ci sono finiti gli immigrati.
Immigrati in baracche costruite con lamiere e materiali scadenti, vendono le loro cineserie, ma sono anche proprietari di presunti mercatini dell'usato che si dilettano nel riciclaggio di pezzi di arredo portati da presunte ditte di trasloco e svuota cantine. Al centro, dietro o di fianco, spesso si trovano prefabbricati o roulottes dove dormono immigrati. Si aggiunga che i cittadini italiani che si sono imbattuti nella messa in regola dei terreni abusivi per la contesa con la Sforza Cesarini di alcune zone dell'hinterland romano, non ottengono con facilità (quasi mai) né i permessi per l'apertura di un esercizio commerciale, né la tutela delle forze dell'ordine locali, che invece lasciano che un esercizio oltre che abusivo, ma neanche dotato di bagno antibagno, impianto elettrico a norma, e solo con una vaga destinazione d'uso (ottenuta con, per, in quanto?) esercitino commercio, acquisiscano continuamente potere territoriale, continuando a stabilire nulla che non sia un alto livello di degrado.
La lotta alla criminalità in alcune zone dell'hinterland è debilitata da uno stato di collusione tra le forze dell'ordine e la stessa criminalità.
La banda della Magliana gestisce ancora moltissimo se non tutto fino a dove arriva a fare compromessi con altre entità crimali come la Camorra, quindi spingendosi dopo Nettuno, oltre Terracina. Lo sanno tutti.
Le pistole, che nascondono sotto la sabbia, come la testa gli struzzi, le chiamano 'ragionieri' in quanto 'regolano i conti'.
Ogni giorno, estate e inverno, mandano qualche apparente cercatore di monete a far finta di trovare metalli peziosi, ma i veri metalli preziosi che cerca sono di 'ferro' anzi, i 'ferri' del mestiere e il tipo preposto non li cerca, deve solo per assicurare al boss che ci siano ancora.
Da sempre, dalla legge Martelli in poi, il litorale è stato un centro d'accoglienza profughi, immigrati, e clandestini di ogni tipo, fino al famoso quartiere Europa di Anzio, dove c'erano intere famiglie con documenti che li vedeva essere nati tutti il 1° Gennaio con la sola variazione dell'anno di nascita.
Droga, come hashish e cocaina, arresti per smercio di hashish e cocaina, sono all'ordine del giorno.
Dai nordafricani ai colombiani qui ci passa di tutto e per quando ne hanno preso uno, o 23, altrettanti ne restano fuori.
Sono commossa da quanto fanno ora tutti gli esperti nel sapere chi fosse un Carminati e che la Banda non è morta con l'assissinio di Renatino De Pedis.
Sono commossa da quanta solerzia usino nel ricordare che i NAR sono un gruppo eversivo di destra.
Errore fatale e clamoroso, signori. I NAR, 'nascono' come gruppo eversivo di destra.
Ma non hanno mai fatto differenze se per assicurarsi il potere dovevano servire le BR (quindi gruppi eversivi di opposta fazione 'politica' se qualcosa si può dire politico di gruppi armati e criminali) la sinistra del tempo che fu, del tempo che è o gli 'zingari', come vengono chiamati da destra e sinistra senza tante cerimonie.
Non molto lontano da qui è stato assassinato il padre della moglie di De Rossi freddato a colpi di Lupara nei pressi della stazione di Campoleone.
Non molto lontano da qui ci sono ancora gli esecutori di assassinii, estorsioni, gambizzatori seriali, di cui non si preoccupa mai troppo nessuno perché l'importante è capire i legami politici con la destra, ovviare a quelli di sinistra, senza capire la lotta alla criminalità si fa colpendo definitivamente i criminali.
Mokbel abita non lontano da qui.
L'avvocato coinvolto in quell'inchiesta è uno dei più potenti penalisti che ha fatto guadagnare riduzioni di pena alla maggior parte dei 'bracci fuori' della banda, di destra e di sinistra.
I resti della Banda della Magliana hanno braccia e armi ancora forti che controllano il territorio e fanno affari da tempo con la Toscana in particolare con Pisa, per la forte presenza di immigrati e cinesi in particolare.
I politici, di destra e di sinistra, cambiano, ma questi signori non cambiano mai e il 13 fatto con l'affare dei Rom è di un'ovvietà pazzesca. Dove c'è degrado loro comandano meglio, hanno figli che sono stati impiegati in ditte con appalti alla Farnesina, hanno armi e questo basterebbe. E noi qui a gridare allo scandalo di Alemanno e che mannaggia la miseria alla destra.
Guardatevi bene dal lasciarli liberi, perché se questo hinterland non funziona e dopo Terni sembra il terzo mondo non è certo perché non passano a raccogliere l'immondizia.
Questi sonoi link che girano sugli account del parentado sparso sul litorale
Ma piuttosto perché qualcuno deve comandare: violentano donne, commerciano droga, commerciano immigrati, gestiscono le agenzie per la sicurezza, si appaltano la sorveglianza delle discariche, accendono e spengono le telecamere di sorveglianza a loro piacimento, organizzano spedizioni punitive di ogni tipo, sono capaci di ammazzarti anche infilandoti le penne nel cervello, sparano come niente fosse, hanno più accette loro che tutto il corpo forestale dello Stato, hanno droga in quantità industriale, spesso sepolta sotto i terreni abbandonati dove lasciano qualche immigrato a fare la guardia, probabilmente senza dirgli di cosa, gestiscono il mercato della prostituzione avendo qualche rogna soltanto dai rumeni.
Non hanno mai nulla intestato, case, auto, a volte neanche la moglie e i figli 'sono intestati' a loro.
E ancora pensiamo che il problema principale sia far cadere la colpa sulla precedente amministrazione della Capitale per legami 'politici'?
Non c'è niente di politico nella criminalità.
Se devono vendersi la figlia, la madre, il fratello non hanno nessun problema, figuriamoci se devono vendersi un 'camerata' per un 'compagno'.
Certo che senza una dignità nazionale e senza amore per il Paese non si va da nessuna parte e l'amore per il Paese qui ce l'hanno quei pochi tra Carabinieri e Polizia e commercianti e cittadini che ogni giorno rischiano la vita per qualche cosmopolita di troppo che ha lasciato agli immigrati un posto d'onore (se onore è quello) facendo dell'essere italiano non UNO svantaggio, ma la SFIGA più grande che ti possa capitare e per uno Stato che si è imbavagliato la bocca per 4 banditi che ti lasciano con una sola nostalgia: quella di non avere più la pena di morte.

di Elisa Pistolesi






Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.