Pagine

mercoledì 26 novembre 2014

La Shoah fiscale

L'Europa ci aveva promesso mari e monti, e siccome l'Italia di mari è circondata e i barcaroli lo sanno bene, si è presa Monti.
Da lì non si è più rialzata.
Come un corridore vincente e in forma smagliante dopato (per non dire drogato) dal suo stesso allenatore, ha accettato di perdere a tavolino in cambio di 'establishment' (accà nun te tocc' nisciun).
Anche un cretino poteva capire che dietro quello che accade nel Novembre di 3 anni fa c'era un complotto con un ricatto o una serie di ricatti giganteschi che avrebbero minato per sempre l'Olimpiade degli Stati dell'Unione in cui l'Italia saliva sempre sul podio (dei vincitori) ben diverso dal 'carro'.
L'Italia aveva subito le ripercussioni della crisi USA 2008 e certamente avrebbe vissuto momenti più bui rispetto al passato, ma con Berlusconi al governo, una Fornero non sarebbe mai esistita e i forni crematori delle banche dove tutti ci avviamo a morire col nostro bel numeretto tatuato del numero di conto, avrebbero dovuto regolamentarsi secondo le nostre necessità e non viceversa.
Forse.
L'Italia in forma smagliante, l'Italia che costruisce piattaforme spaziali, che partecipa a progetti d sviluppo di prima categoria, l'Italia che si andava già pentendo di aver aderito a qualche delocalizzazione di troppo, ha dovuto oltraggiare la sua memoria di educazione al lavoro, di creatività in cambio nemmeno di trenta denari, ma proprio in cambio di un piatto di lenticchie come Esaù, il fratello di Giacobbe che pure tutto giusto non era, quindi nei nostri difettucoli umani di carattere tricolore a destra e sinistra, un po' ci somiglia e il paragone calza.
Esaù da cui deriva la parola 'esaurito' è il simbolo dell'uovo oggi (vedi Twitter) e poi te magni la coccia.
Giacobbe, si trova peggio, certamente, si trova a combattere con l'Angelo fino allo sfinimento, fino alla resa. Nella 'resa', come dirà poi San Paolo, 'nella debolezza è la mia forza', Giacobbe si arrende a Dio e Dio lo 'premia' dicendo 'Non ti chiamerai più Giacobbe, il tuo nome sarà Israele'.
L'Italia sempre eccitata nel fare la parte del chirichetto birbante che fa l'offerta secondo quanto riuscirà a rubare, che ha trasformato le sue poche virtù in 'favolette per vecchierelle', oggi si ritrova tristemente e in modo imbarazzante a constatare che le 'favolette per vecchierelle' le avevano raccontate quelli che servivano lenticchie a buon mercato.
E a differenza delle leggende pagane che vivono in tutti noi per ridere la notte di San Silvestro, non hanno portato soldi, ma debiti.
Debiti da pagare attraverso altrettante favolette come la Legge di Stabilità, il JobsAct, e prima ancora maree di esodati, e nel frattempo giovani non più giovani, disoccupati.
Perché non teniamo più a noi. Non ci vogliamo bene. Non rispettiamo le nostre tradizioni.
Se un Presidente della Camera dice che uno spot in cui una donna serve in tavola è uno spot maschilista, nessuno s'incazza.
E nemmeno se dice che il Natale non dovrebbe essere festeggiato.
E nemmeno se i bambini devono sapere bene fin da subito che possono essere uomo, donna, neutri. Alterando di gran lunga un discorso, intanto doveroso e molto naturale, di rispetto verso i gay.
Ma meglio un piccolo esercizio di stile del deus ex machina numero uno: l'informazione.
Facciamo diventare un caso la storia del ragazzo coi pantaloni rosa morto suicida e cominciamo a dire che chi ha fatto questo è omofobo.
Già questa frase, scritta così, tenterebbe molti a dire che il mio discorso lo è.
Purtroppo lo invito a guardare il mio video su Youtube 'La lettera' e aggiungo, fammi finire che ti devo fare una piccola domanda: "Come mai di tutti i cristiani perseguitati non in Nigeria, in Italia, non ne parla nessuno?" Perché il cristiano non si suicida perché ha fede, nutre speranza e si nutre di caritas Christi (urget nos)? No. Perché si tende a minimizzare. In modo tale che diventi un discorso estremista e tacciato di fondamentalismo religioso, fatto aberrante in un Paese così laico ma così laico che se ti fai il segno della Croce al ristorante prima di mangiare ti aumentano il prezzo del vino manco fosse santo.
Poi prima di uscire, sia il proprietario che il cameriere ti confidano i loro problemi non sia mai tu che ti che non ti vergogni di farti il segno della Croce e quindi in teoria hai fede, hai una soluzione a buon mercato.
Mi duole ricordare che è a mio modesto parere, la responsabilità è della Chiesuccia.
L'Europa dal canto suo non ha fatto altro che partecipare a questa nuova religione mondiale del consumismo all'eccesso consegnandoci le nuove Chiese con tanto di oratori fatti di 'gonfiabili' in cui professare il nuovo Credo senza troppi Costantino e Sant'Elene che portano scale, portandoci al Centro Commerciale.
Tutte direttive dall'alto.
Se l'Italia è riuscita più facilmente laddove altri, con pure grandissime risorse hanno fallito è per la sua tenacia, il suo non abbattersi, il suo carattere forte: la sua fede.
Anche il Comunismo in Italia attecchì in modo ben più fiero che in altri Paesi, basti guardare la cultura che ne ha tirato fuori non potendo governare nell'era delle scelte atlantiche o sovietiche di carattere politico. Un comunista italiano e un comunista pure proprio dell'ex DDR messi a confronto non hanno confronti, l'italiano è più tenace, più ferreo, più coerente, più saldo.
Perché ha memoria della fede e gli basta cambiare il Dio da adorare: il non - Dio Comunismo.
Gli altri, tutti gli altri, si sono ammosciati e infiacchiti, facendosi trasportare da corsi per l'autostima, eventi new age, viaggi in India, meraviglie nascoste nel potere del empowerment, visioni olitistiche di alterato e discutibile valore assoluto, condimenti di visioni positive, trascurando di:
leggere il giornale, mettere in discussione le decisioni prese, vendicare la credibilità di uno Stato colluso con la mafia fino al midollo, possibilmente uniti.
Ma cosa unisce e fa sentire fratelli? Quando è potuto accadere questo?
Quando solo e sottolineo solo, per il retaggio di educazione cristiana, avevamo ben più presente che in qualunque momento potevamo essere fratelli.
Parole come 'perdono' non erano mai scambiate con 'perdòno' e la nostra affidabilità ci portava ad essere i più ricercati in ogni settore, perché ci veniva naturale metterci sempre in discussione, fare del nostro operato un servizio, non dare nulla per scontato e non lasciare nulla all'intentato.
Oggi si può forse dire che l'italiano è questo?
Come mai tra i personaggi che in un modo o in un altro hanno fatto di questo Paese, questo Paese con limiti e grandezze alla stregua del pensiero di Freud, c'è sempre un'educazione cristiana o un contesto familiare dove questa è forte?
Perché la Chiesa è un potere forte? Errore. La Chiesa non è un network e andrà anche peggio di così se qualcuno non ha capito qual era il quarto mistero di Fatima, non è un problema degli altri, è un problema che riguarda il grado di consapevolezza che è disposto ad avere.
E meno ne hai e più subisci Europe di tutti i tipi. Diktat di ogni sorta.
L'affidabilità parte dalla fiducia, fiducia è una parola semplicissima e affonda le sue radici nella fede.
Questo schiaffo in faccia che ci arriva è il minimo. Abbiamo i sintomi della sindrome del palombaro, inabissati in gozzoviglie e simil-piaceri mondani, fatti fondamentalmente del nuovo 'amen' di radice comunista 'masticazzi'. Il nuovo mantra. E si deve sempre cedere a esempi alternativi per far capire alle persone che è ora di svegliarsi, magari con una bella metafora Feng Shui, tipo 'ci vorrebbe un bel Satori', un 'risveglio'. E come è possibile un 'risveglio' in un Paese che ha tolto le batterie alla sveglia e vive di tic tac colorate?
La risposta ce la diamo giorno per giorno, oggi si chiama 'astensionismo', domani si chiama 'ISIS' che arriva e decapita una 50ina di prostitute, così saremo tutti solidali con le prostitute e ci mancherebbe, perché la vita è un diritto inalienabile per chiunque, ma cosa ne sarà di una donna che non si è prestata a tanto soccombendo al suo guardaroba di 'non ho niente da mettermi' e se ho due lire in più prendo i pannolini in offerta?
Come si fa a disegnare un leader a tavolino per il Paese che non ha un contatto con la realtà e un atteggiamento mentale lucido che vesta abiti di coerenza che abbiano una radice che si possa elevare alla potenza?
Ma soprattutto come si fa, ad accettare tout curt una dittatura per il semplice fatto che esistono le offerte? Creando i discount. Le Coop. Non c'è la fame. E difatti siamo cresciuti con uno spot che recitava 'la mia non è proprio fame è più voglia di qualcosa di buono'.
Così da popolo di scienziati, navigatori, poeti, scrittori e inventori, siamo diventati un popolo di maggiordomi Ambrogi.
Per servire una puttana.
Il concetto delle banche come forni crematori in cui saremo tutti ebrei (e non è colpa di nessuno se sempre per mano dei tedeschi) in una Shoah
fiscale, sarà presentato in uno spettacolo teatrale interamente scritto dalla sottoscritta, perciò, voi che continuate a contribuire alla mia disoccupazione per rubare 4 parole, state attenti che stavolta in tribunale ci finite per davvero.
Il fatto che non accetti un piatto di lenticchie non fa di me un Giacobbe, ma un po' di fede ce l'ho, e il fatto che voi continuate a rubare le offerte che fate appena dopo averle fatte, è ormai sotto gli occhi di tutta la mia generazione che si sente solo presa per il culo.


di Elisa Pistolesi ©




Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.